Chi siamoEventi e NotizieE-ShopContatti
Giornalino
Uno Sportello Informativo in caso di diagnosi oncologica

La nostra costante presenza presso lo sportello in IST e il confronto quotidiano con i pazienti affetti da patologia tumorale e con chi si prende cura di loro a casa ha messo in luce quanto grande fosse la necessità di un aiuto per orientarsi nel dedalo di certificati e di pratiche da avviare per vedere riconosciuti i propri diritti. Dopo una formazione specifica del personale e dei volontari abbiamo attivato lo Sportello Informativo e di Ascolto della Lega Tumori.

Cosa è lo Sportello Informativo?

Si tratta di uno sportello relativo ai diritti previdenziali ed assistenziali del paziente oncologico e dei suoi familiari. Lo sportello non può e non vuole sostituire un patronato e attivare o seguire fattivamente le pratiche, ma vuole fornire le prime indicazioni relative alle pratiche burocratiche che si possono avviare in caso di diagnosi oncologica. Cerchiamo di fornire i giusti riferimenti relativi a moduli e procedure (indirizzi, numeri e informazioni rispetto agli uffici preposti sul territorio comunale di Genova).

Gli ambiti di competenza dello sportello informativo sono:

  1. Esenzione ticket per patologia oncologica (048) – Il malato di cancro ha diritto all’esenzione del pagamento del ticket per farmaci, visite ed esami per la cura del tumore.
  2. Invalidità/handicap – La procedura per la presentazione della domanda per l’accertamento dello stato di invalidità ed handicap si articola in due fasi:
    – certificato medico digitale tramite il medico certificatore
    – compilazione della domanda.
    Il medico dovrà spuntare la casella corrispondente alla definizione di malattia neoplastica per accelerare la procedura.
    Il medico certificatore è il medico di Medicina Generale o l’oncologo.
  3. Permessi e congedi lavorativi – Il malato e il familiare che lo assiste hanno diritto a usufruire di periodi di congedo dal lavoro. Il malato di cancro ha diritto a lavorare part time durante le cure per poi tornare al tempo pieno quando si sentirà di farlo.Il periodo di comporto è l’arco di tempo stabilito dal Contratto Collettivo Nazionale di lavoro durante il quale il datore di lavoro non può licenziare il lavoratore malato. Il lavoratore che assiste un familiare portatore di handicap in situazione di gravità ha diritto al congedo straordinario retribuito per due anni. La contribuzione figurativa permette al lavoratore impossibilitato a svolgere la propria attività di lavoro per un determinato periodo di percepire contributi figurativi fittizi che possono essere accreditati d’ufficio o su domanda del lavoratore.
  4. Fasce di reperibilità – Il lavoratore è escluso dall’obbligo di rispettare le fasce di reperibilità se affetto:
    – da patologie gravi che richiedono terapie salvavita;
    – da stati patologici sottesi o connessi alla condizione di invalidità riconosciuta.
    Il medico certificatore in sede di compilazione del certificato telematico dovrà vidimare l’opzione sottesa.
  5. Rilascio autorizzazioni per trasporti programmati in ambulanza – Il paziente impossibilitato a deambulare che rientra nella casistica prevista dalla DGR n. 441 del 26/04/2007 può usufruire, previa richiesta regionale del medico di Medicina Generale vidimata dal medico Funzionario del Distratto Sanitario, del trasporto in ambulanza dal domicilio al presidio di cura e viceversa.
  6. Ufficio autorizzazioni protesi – Il SSN fornisce gratuitamente ausili e protesi ai malati che ne hanno diritto.
  7. Agevolazioni invalidi e portatori di handicap (parcheggi, trasporto pubblico) – Il malato di cancro in terapia (a cui sia stata riconosciuto lo stato di invalidità/handicap) ha diritto al contrassegno di libera circolazione e sosta.
    Per il trasporto pubblico sono previste riduzioni in base al reddito e allo stato di handicap.
  8. Lavoratori autonomi e casse di previdenza – I lavoratori autonomi iscritti alla gestione separata INPS (commercianti e artigiani) hanno diritto all’indennità di malattia (circa 2 mesi/anno) ed eventualmente all’indennità di degenza ospedaliera. Per i liberi professionisti iscritti alle rispettive casse previdenziali, ciascuna cassa può prevedere forme diverse di sostegno e assistenza diretta o indiretta.

Dove e quando si trova lo sportello?

Lo sportello si trova presso il punto della Lega Tumori attivo all’interno del padiglione 15 (ex-IST) del Policlinico San Martino di Genova, è attivo dal lunedì al venerdì con orario 9.00-13.00 e si può contattare al numero 010 5555658 o via e-mail all’indirizzo s.zignaigo@legatumori.genova.it.

 

Scarica l’opuscolo informativo a questo link >>

Condividi su:

LILT GENOVA - Via B. Bosco 31/10, 16121 Genova
Tel +39.010.2530160 - Fax +39.010.2530176 - info@legatumori.genova.it - Sede legale: Via Caffaro 4/1, 16124 Genova
Codice Fiscale: 95041690108 - IBAN IT41P0503401424000000022390 - Informativa Privacy
LILT GENOVA

Via B. Bosco 31/10
16121 Genova
Tel +39.010.2530160
Fax +39.010.2530176
Sede legale: Via Caffaro 4/1
16124 Genova
info@legatumori.genova.it
Codice Fiscale: 95041690108

IBAN:
IT41P0503401424000000022390

Informativa Privacy